29.4.08

dopo un po' di tempo

  • Sarò sempre meno presente qui. Non ho più tempo. Ho altre priorità adesso.
  • "Fried-Day the 13th" comincerà molto presto, forse in settimana.
  • Al Comicon la Planeta annuncia: "Absolute Sandman? Non se ne parla".
  • Tentativo di dosare le letture attivato. Dovrebbe durare fino a giugno.
  • Avrei molte cose da dire, dovrei prendere ogni singola persona che conosco e che sento amica e vicina e parlarle, dichiarando tutto ciò che provo per lei, per quanto mi (ha) aiuta(to). Immaginatevi da soli le parole.
  • Salterò "L'Incontro con l'autore" del 10/05. Non che mi piaccia, ma come ho già detto nel primo punto, ho altre priorità.
  • Se ne avete l'opportunità ascoltatevi un po' di Billy Joel.

La felicità è quella cosa che cerchiamo e proviamo a raggiungere, ignari del fatto che non esiste.

21.4.08

16.4.08

congedo a Roma.

il maìno se ne va tre giorni a roma con la scuola. si torna sabato sera
statemi bene

14.4.08

"Maino risponde in modo offensivo all'insegnante"

Ed è arrivata! La prima nota sul registro della mia "carriera" scolastica!
Non che l'avessi desiderata ardentemente ma quando arriva ci si può solo farsi una risata sopra, specie se è arrivata come con me in modo molto discutibile. A voi i particolari.

Ora di chimica. (Araldo ride)
La prof mentre spiega pronuncia un qualcosa di inscrivibile e impronunciabile, un suono divertente, una papera e si ride sottovoce. Fatalità vuole che una compagna di classe si volta per guardare, per ridere, il mio compagno di banco. La prof la becca e la sbatte fuori dalla porta dicendo poi frasi come: "Voi non capite! Nella vostra pochezza e ignoranza che queste sono cose serie [riferendosi alla chimica e alla formula di qualche carboidrato: un delirio di CH-O-OH ecc]. Già con questa frase (che non è la prima volta che dice qualcosa di simile questa prof, eh) mi era venuta voglia di andare di mia spontanea volontà a far compagnia alla compagna (perdonate il gioco di parole) fuori dalla porta. Ma resisto.
Alla fine dell'ora di lezione, per sfottere pienamente, la prof mi guarda e mi fa:
"Ridi, Maino, ridi! Dai!". Io, molto gentilmente,:
"Arrivederci, prof" (la prof se ne stava andando)
"Dai, Maino. Ridi, dai.. ridi". Mi rompo i coglioni e le faccio:
"Perchè? Non c'è nulla da ridere."
"Cosa hai detto?-mi fa- "Ripetilo".
"Ho detto: non c'è nulla da ridere"
Lei: "Avete sentito tutti? Maino, lo sai che frase hai detto?"
Io: "Sì."
Lei: "Guarda che è gravissima questa cosa. Vuol dire che ridi della chimica! Giusto, *******? [ometto il nome di una compagna che, insieme al resto della classe, da bravi leccaculo di merda dava ragione alla prof e risponde di sì]
Io: "Affatto. Rido se ci sono elementi per ridere. Non rido sotto costrinzione di qualcuno"
Lei: "Ma tu hai qualche problema mentale! Io pensavo fossi carente nello studio, invece sei proprio affetto da qualche limitazione mentale! Io ti metto una nota"
Io: "Ah, prof, faccia quello che vuole"
Lei: "Adesso ti metto una nota [prende il registro e fa per uscire] così impari la prossima volta"
Io: "Va bene. Arrivederci"

Ora sul registro figura quella frase che fa da titolo al post. E' poesia. Soprattutto perchè non sono io quello che fa suonare il cellulare durante una lezione o un compito in classe, che tiene gli occhiali da sole durante l'ora di lezione o che si mette rossetto e crema per le mani mentre insegna agli alunni. Sono d'accordo con lei, professoressa. Che mi sia di lezione, così imparo la prossima volta.

13.4.08

lettera



E si torna felici. O almeno, non abbattuti come prima. Adesso ho il periodo della visione di serie tv. Ho proprio voglia di mettermi a vedere 4 episodi di fila di qualche telefilm. Peccato che il tempo manca.

Riguardo ai fumetti, mantengo sempre questo periodo di inattività, magari leggerò se proprio ho voglia, le robe arretrate e un albetto di Preacher (che Preacher non si lascia stare; quello ti fa divertire sempre e comunque). Non ho voglia di novità e di cose nuove. Voglio solo divertirmi un po' nel minor modo possibile e senza complicazioni.

Concludo ringraziando chi di dovere che mi ha supportato in questo periodaccio di merda in vari modi, espliciti o non. siete degli amici. vi voglio bene, cazzo.

Teoz

10.4.08

Disequilibrio/Stranezze

Ieri dopo tanto tempo avevo voglia di suonare e di comporre. Ho passato un'ora e mezza a strimpellare al piano cercando tonalità, suoni struggenti, melodie. Alla fine mi sono divertito e ho suonato qualcosa che mi è piaciuto.
D'altro canto, oggi sono ufficialmente stanco. Di leggere fumetti. Ne ho abbastanza. Desidero un libro, senza figure, una pausa, lunga o breve. Voglio ridurre un po' le cose, dosarmele, negli ultimi tempi ero un po' scoppiato, ho letto tanto, troppo, tutto e adesso sono esploso. Meglio fermarsi un attimo che non gustarsi le cose. Non è la fine di una passione o di un vizio (già, perchè a volte non so scegliere il termine giusto e tutto si confonde), ma un attimo di respiro. Non ce la faccio più di nuvole parlanti. Troppe nuvole parlanti.
Forse sono proprio i fumetti che mi hanno reso così: lontano dalla folla, dalla massa, dalle compagnie di cazzoni, amante dei "pochi ma buoni", vivente della solitudine riflessiva, pensante personale e autonomo. Faccio molta fatica ad affezionarmi alle persone. O forse no, forse mi sbaglio. Faccio fatica ad allontanarmi dalle poche persone che ho, ma mi affeziono facilmente a chi conosco. Ma rimango freddo. Stranamente freddo. Non riesco a capire perfettamente come sono e come mi vedono gli altri. Pro o contro? Positivo o negativo? Alcune persone che mi vogliono bene non le cago di striscio perchè non mi interessano, altre che non mi cagano di striscio hanno tutta la mia stima e il processo è inverso, altre volte sono chiuso e riservato, altre volte scherzo quando ci sono persone a cui sono affezionato e che mi vogliono bene.
E torniamo alla passione. I fumetti mi dividono. Da una parte mi sono escluso automaticamente da gran parte dei coetanei, chi lo sa, magari sono anche persone come me, un po' antisociali, ma non mi sono mai interessato e il contrario. Dall'altra ho conosciuto persone meravigliose grazie a questa passionvizio che mi porto dietro.
Non so come comportarmi, nè come affrontare tutte le miliardi di operazioni, cose, fatti, eventi che mi accadono ogni giorno. Mi sento sempre più stanco e demoralizzato su tutto, a partire dalla scuola.
Già, se prima, quattro anni fa, ero contento, convinto, soddisfatto della scuola scelta (liceo linguistico), adesso non più: ho la sensazione di uscire da quella merda senza niente sulle spalle e soprattutto senza elementi utili per i miei sogni. Perchè i sogni son desideri, giusto? Che senso ha impararsi a memoria la formula chimica dell'acido linoleico se dopo, in un futuro, non ne farò mai uso? Che senso ha analizzare una poesia d'amor cortese, facendo collegamenti con stilnovismo, poesia trobadorica e descrivere le diverse tipologie di lodi alla donna? Cosa mi servirebbe non adesso ma poi? Ne vale la pena? Sistemi di secondo grado, equazioni irrazionali, calcolo della parabola e farsi un culo così per cosa? Perchè? Mi sento stranamente dubbioso, come se tutti i mattoni di una casa costruita in 17 anni crollassero a poco a poco, tutti quanti. E non ho abbastanza cemento da rimetterli apposto. Cambio d'umore in quindici minuti, prima al settimo cielo, poi nell'oscurità dell'Ade e mi basta poco, veramente poco. Preferisco la solitudine e dopo due minuti desidero compagnia. Ho bisogno di un abbraccio da parte mia che racchiuda la forza di trovare pace, di tranquilizzarmi. Cazzo, l'adolescenza è una gran brutta merda e voglio che finisca e quando finisce già la rimpiangerò per aver bruciato occasioni che non avrò più. Oggi sul banco di scuola c'era una scritta, una frase: "La verità è limitata". Ho aggiunto un "Io sono limitato". Alla fine non va mai come vogliamo e questo provoca rabbia, rancore, e questo rancore diventa represso fino a portarti ad un'implosione.
Ka-Boom!

8.4.08

Nuovo blog!

Parallelamente a questo blog, il Teoz ha creato uno spazio per dar voce a tutti e informare esclusivamente su come procede il progetto film.
Il blog è semplice, una merda, ma va bene così.
La mia casa di produzione, il mio studio, il mio antro trash sarà la Suckbrain Tree.
Se volete darci un'occhiata---


6.4.08

Avanti

Le cose si stanno facendo più lunghe del previsto per quanto riguarda la pre-produzione del film che voglio girare, tale "Fried-day 13th". Approfitto di tutto per lanciare un appello: a chiunque volesse contribuire per la realizzazione di questa porcata è il benvenuto (sia in campo tecnico che in campo "recitativo").
Dicevo, le cose stanno andando per le lunghe perchè mi sono accorto che questa comedy-horror-trash presente certe scene che per farle bene occorre spendere tempo e forse denaro.
Prima di tutto ho bisogno di una maschera. Non voglio una semplice maschera di carta o cartone, ho bisogno di qualcosa di rigido, ma allo stesso tempo che si veda la finzione (l'idea è far vedere il terribile killer che ha la maschera e gli elastici dietro alle orecchie). Sto pensando al gesso, ma sarebbe un'odissea... forse la cartapesta o come dicono ad Art Attack "giornali e colla vinilica"...
Ho bisogno poi di tante altre idee. Non che non ci siano, ma devo sforzare di allungare la brodaglia, inserendo cose divertenti e cercare di non far risultare il tutto noioso (d'altronde si tratta di tre personaggi in un horror: credo che nessuno abbia girato un horror con così pochi attori all'interno) quindi a mano a mano le idee arrivano, ma devo giocare bene le carte.
Poi non vedo l'ora di girarlo e divertirmi, anche se non è la parte più bella. No, amici. La parte più bella è il montaggio. Ma qui si parla già di futuri prossimi e magari (come accade di solito) questo film sarà solo un'idea mai costruita e perduta.

Sondaggio: Marvel o DC?

Scrivere nei commenti il numero dell'opzione preferita e darne una motivazione:

1. Marvel
2. DC
3. Naruto

Partecipate numerosi!

"Bene" un paio di palle

Mi è ufficialmente andato l'audio del computer. Non trova più nessun driver audio e quindi filmati da youtube, suoni vari (ma stranamente non gli mp3) non li sento più. Bene. Anzi...

hasta i comics siempre!

ieri sera conversazione con l'Araldo. la solita conversazione comics vs manga.
"Leggiti 'V for Vendetta'"-gli faccio.
"Ma bea! Alan Moore, no, mi fa venir sonno"
"Guarda che non è pesante questo"
"Se se.."
"Va beh, allora vai a casa e leggiti un manga, dio can"
"Ah beh. meglio di quello che leggi te! Io non leggerò mai uomini che si mettono le mutande sopra i pantaloni e salvano il mondo. Non leggo storie di gente che non sa come vestirsi"

---I giapponesi nei manga sanno vestirsi??---

4.4.08

demoralizzarsi

sono un po' in crisi....ancora.
è una cosa abbastanza infelice, ma sono quelle malinconie tristi che ti arrivano e ti fanno fare pensieri che non faresti mai. passerà, questo sì. non so quando.

1.4.08

AAA Cercasi

Sapete tutti com'è il Teo. Basta una canzone ascoltata e lui si fa le seghe mentali pensando ad un film. Beh..fatto sta che stavolta potrebbe essere il colpo giusto. Ho bisogno però del vostro aiuto. Ho bisogno di titoli di film horror anni 80 (non necessariamente gore, ma sia da serie A che B che C) e di titoli di musiche "strane" adatte per una buona dose di psicadelica, magia e terrore. Vi ringrazio già dell'aiuto.

Spazzatura